MOMBAROCCIO

About This Project

INFO E CONTATTI PRO LOCO:

 

Sede: Via Guidubaldo dal Monte, 37 – 61024 Mombaroccio

Presidente: Damiano Bartocetti

Anno di costituzione: 1967

Telefono: 0721/470799

Email 1: proloco_mombaroccio@libero.it

Email 2: info@prolocomombaroccio.it

Sito web: Pro Loco Mombaroccio

                             

 

 

 

 

MOMBAROCCIO:

 

Disteso lungo il crinale di un colle, Mombaroccio è interamente circondato da robuste mura scarpate, erette a protezione dell’antico castello. Caratteristica la configurazione a spina di pesce, con i maggiori edifici disposti ai lati dell’asse viario centrale.

La storia del paese è strettamente legata a quella del contado pesarese: Monte Baroccio (nome usato fino al XVIII secolo), dipese strettamente dai Malatesta. Tale periodo segnò l’assetto urbano di Mombaroccio, con la costruzione delle mura fortificate esterne all’abitato. La successione degli Sforza ai Malatesta (1445), provocò una radicale trasformazione delle strategie d’offesa e delle tecniche di fortificazione. Nel 1510 nel ducato di Urbino subentrano i Della Rovere e nel 1543, ci fu la decisione ducale di subinfeudare Mombaroccio al signor Ranieri dei marchesi Del Monte. Sotto la loro guida, il borgo fu un modello di società avanzata (in particolare con Guidubaldo Del Monte).

Nuovi equilibri e nuovi slanci si crearono negli anni della Restaurazione, del Risorgimento e nei primi decenni postunitari. Non riuscirono tuttavia a consolidarsi per affrontare adeguatamente la crisi di fine ‘800 e gli sconvolgimenti dell’ultimo dopoguerra.

Mombaroccio è cinto da poderose mura quattrocentesche e il suo centro storico si stende in forma oblunga da Porta Maggiore, l’ingresso principale al borgo medioevale, a Porta Marina, così chiamata perché rivolta verso il mare.

Percorrendo via Guidubaldo del Monte si può ammirare il Palazzo Del Monte, residenza dei Marchesi Del Monte. Nella parte posteriore vi è un ampio giardino con un camminamento sopraelevato, dal quale si gode uno splendido panorama.

Proseguendo per via Del Monte, troviamo la chiesa dedicata ai SS. Vito e Modesto (fine ‘300), al cui interno sono conservati interessanti dipinti del XVI  secolo; degna di nota è la pala d’altare che raffigura la Madonna del Rosario, opera di Avanzino Nucci.

In Piazza Barrocci si affaccia il Palazzo del Comune (secolo XIV), mentre al suo fianco si erge la poderosa Torre Civica (1608 – 1609). Attigua ad essa, si trova la Chiesa intitolata a San Marco (1424), al cui interno troviamo due grandi statue lignee e la pala absidale (Madonna col Bambino e santi, sullo sfondo veduta di Monte Baroccio).

Mombaroccio conta tre importanti musei: il Museo dell’ Arte e Civiltà Contadina, allestito nei sotterranei cinquecenteschi dell’ex Convento dei Frati Girolomini, espone oggetti datati fra il XVIII secolo e il 1970, inerenti l’attività lavorativa, manuale o supportata da animali e la vita quotidiana del passato.

Il Museo dell’Arte Sacra, ospitato nella Chiesa di San Marco, raccoglie  numerosi reperti di arte lignea, dipinti, paramenti, oggetti di culto e arredi sacri,  provenienti dalle chiese e dai conventi della zona.

Il Museo del Ricamo, allestito nei locali della Torre Civica, espone numerosi pezzi pregiati, sia di antica fattura (1400), che di più recente realizzazione.

Nella splendida cornice del monte della Mattera, circondato da un bosco di castagni, roveri e lecci, si erge il convento francescano duecentesco del Beato Sante. In un’ampia sala del chiostro troviamo il Museo dedicato al “Beato Sante”, al secolo Giansante Brancorsini (1343 – 1394). Dall’interno del chiostro si accede nell’aula della Pinacoteca-Museo, dove sono conservati autentici capolavori: dal Polittico di Zanino di Pietro alla Madonna dell’Umiltà di Andrea di Bartolo, all’Incontro di San Gioacchino e Sant’Anna dipinto nella seconda metà del XV secolo. Nella chiesa possiamo ammirare lo splendido Crocifisso (1320 – 1330), attribuito al Maestro dell’Incoronazione Bell Puig.

Il luogo è oggi meta di pellegrinaggi religiosi, gite e visite turistiche.

Da oltre trent’anni in primavera, si tiene a Mombaroccio la Festa degli Alberi, con mercatini di florovivaisti della provincia e di produttori locali, che presentano le tipicità del territorio quali olio, formaggio, vino.

Nel bosco del Beato Sante in estate si tiene Lavanda in fiore, un mercatino di artigianato e prodotti tipici del territorio. Si possono visitare i campi di lavanda in fiore e fare pic-nic tra gli alberi.

Con il mercatino tradizionale di E’ natale a Mombaroccio, da vent’anni il borgo fa rivivere la magia del Natale, grazie a espositori artigianali, prodotti tipici e ambientazioni a tema.

 

 

 

 

EVENTI:

 

Festa degli alberi e dei Prodotti Tipici Locali – Maggio

• Lavanda in fiore – Giugno/Luglio

E’ natale a Mombaroccio – Novembre/Dicembre

Category
Pro Loco
#SEGUICI SU FACEBOOK